Mastoplastica additiva


Aumento volumetrico del seno


La mastoplastica additiva è definibile come aumento volumetrico del seno, si effettua attraverso l'inserimento di protesi al di sotto della ghiandola mammaria o del muscolo gran pettorale, a seconda dell'indicazione chirurgica posta dal chirurgo plastico e del caso in esame. Gli impianti mammari sono costituiti da silicone che riveste la superficie esterna di norma testurizzata (cioè con micro-rugosità della parete) e gel di silicone coesivo, che impedisce la migrazione del silicone nei rari casi di rottura dell'impianto.
Gli impianti mammari possono avere una forma rotonda oppure "a goccia" nei casi si utilizzino impianti anatomici. E' il chirurgo che sceglie quale tipo di impianto utilizzare in base alla struttura fisica della paziente e dei suoi desideri.
Le incisioni di accesso per inserire le protesi possono essere collocate lungo l'areola (incisione emiperiareolare), lungo il solco sottomammario e nel bordo ascellare. Nessuna incisione è a priori preferibile rispetto all'altra, la mastoplastica additiva è un intervento che richiede una certa personalizzazione e il tipo di incisione, come il tipo di protesi da utilizzare va scelto in base alle caratteristiche della paziente.

L'intervento dura 1-2 ore, non è particolarmente doloroso se la protesi viene inserita nel piano retro ghiandolare, mentre esiste la possibilità di avere un certo indolenzimento nei tre giorni post-operatori quando la protesi è allocata dietro il muscolo pettorale.

Si esegue in anestesia generale ed è consigliato il ricovero di un giorno. La paziente viene dimessa con un apposita medicazione compressiva ed un reggiseno contenitivo che deve essere portato per almeno due settimane. Le normali attività possono essere riprese dopo due-tre giorni. E' raccomandata l'astensione dall'attività sportiva per circa un mese. Il risultato è stabile e duraturo.


La mastoplastica additiva con protesi in poliuretano


La mastoplastica additiva è l’intervento di chirurgia estetica più richiesto ed eseguito in Italia.
I risultati di un intervento di mastoplastica additiva, secondo il Dott. Nicola Monni, dipendono da una moltitudine di fattori che comprendono: le condizioni preoperatorie della paziente, la corretta pianificazione preoperatoria della stessa (fase questa che include una serie complessa di passaggi decisionali da parte del chirurgo e della paziente) ed una scrupolosa esecuzione da parte dello specialista.
Il tasso di soddisfazione, secondo il Dott. Monni,risulta molto elevato sia nel breve che nel lungo periodo se l’intervento di mastoplastica è eseguito in modo corretto.
La maggior parte delle procedure di revisione previste per la mastoplastica additiva, il cosidetto “tagliando”, vengono eseguite tipicamente dopo un periodo di tempo compreso tra i 5 ed i 10 anni e contrariamente a ciò che a volte si pensa non sono legate allo “scadere”degli impianti ma ad un fenomeno noto come contrattura capsulare che riguarda il 15-20% delle protesi impiantate.
“Tale complicazione, chiarisce il Dott. Monni, si manifesta come un progressivo indurimento della mammella con dolore spontaneo nelle situazioni più avanzate, richiede la rimozione in blocco degli impianti inseriti e quando possibile della capsula periprotesica e la sostituzione con nuovi impianti”.
Gli impianti in poliuretano hanno un tasso di contrattura capsularedecisamente inferiore (1,6% a 15 anni negli ultimi studi) e sono quindi particolarmente indicati in tutti i casi di chirurgia mammaria secondaria con sostituzione impianti.
“In aggiunta personalmente utilizzo queste protesi in tutti i casi in cui sia necessario inserire impianti anatomici in pazienti magre e sportive – afferma il Dott. Monni -in quanto la non rotazione degli stessi è una garanzia di stabilità di risultato nel tempo”.
In conclusione gli impianti in poliuretano offrono un risultato stabile e duraturo nel tempo, esente dai fenomeni di rotazione dell’impianto osservabili con altri tipi di superficie e con un tasso di contrattura capsulare notoriamente inferiore.
Per questo motivo, secondo il Dott. Monni,questa tipologia di protesi dovrebbe essere presa in considerazione in tutti i casi di mastoplastica secondaria o primaria con impianti anatomici.

La mastoplastica additiva con protesi in poliuretano (leggi l'articolo)

Bibliografia

[1] Outcomes in primary breast augmentation: a single surgeon's review of 1539 consecutive cases

Somogyi RB, Brown MH - Plast Reconstr Surg. 2015 Jan;135(1):87-97.

[2] Teaching Breast Augmentation: A Focus on Critical Intraoperative Techniques and Decision Making to Maximize Results and Minimize Revisions.

Calobrace MB1. - Clin Plast Surg. 2015 Oct;42(4):493-504

[3] The double-bubble deformity: cause, prevention, and treatment.

Handel N1. - Plast Reconstr Surg. 2013 Dec;132(6):1434-43

[4] Outcome assessment of breast distortion following submuscular breast augmentation.

Spear SL1, Schwartz J, Dayan JH, Clemens MW - Aesthetic Plast Surg. 2009 Jan;33(1):44-8.

[5] Dual plane breast augmentation: optimizing implant-soft-tissue relationships in a wide range of breast types.

Tebbetts JB1. - Plast Reconstr Surg. 2006 Dec;118(7 Suppl).

[6] Augmentation Mammaplasty.

Mosby 2010 pp 1-591 Redifining the patient and the surgelo experience John B.Tebbets


Foto prima-dopo gli interventi di chirurgia plastica estetica e ricostruttiva